Cerca nel blog

venerdì 6 maggio 2016

BOSSETTI E IL GIRO D'ITALIA PERFORMANCE

di Agnesina Pozzi
Brigantessa di Chiaromonte



Il 10 e 11 Maggio 2016 a Praia a Mare, nella splendida cornice  calabra, pedalando per aggiudicarsi la maglia rosa sul lungomare  che costeggia l'Isola Dino, i ciclisti del Giro D'Italia faranno una tappa. Evento, molto importante per questo spicchio di sud, che ha coinvolto l'Amministrazione Comunale, la Pro Loco, gli esercenti e i cittadini del luogo e dei dintorni, al fine di assicurare la miglior accoglienza possibile a tutti i partecipanti. I ciclisti partiranno da Catanzaro e percorreranno circa 200 km per approdare, in tarda mattinata nella cittadina. Da tempo sono in allestimento cartelloni pubblicitari, posters e "fasce rosa" sui vari esercizi che, suppongo, avranno contribuito a sponsorizzare la manifestazione. 



     istallazione di Nostrlinus dedicata alla Tappa del Giro, rappresentante l'Isola Dino 

Fermento, partecipazione, consapevolezza

sono le parole-chiave di questi giorni d'attesa


ma sono anche le mie parole e quelle dei sostenitori dell'innocenza di un cittadino  che non ha alcun motivo plausibile per essere trattenuto ancora in carcere. Tutto ciò che è emerso a processo a suo favore, tutto il castello accusatorio che è stato sistematicamente demolito dai suoi Avvocati e Consulenti,  tutti i rilievi sulle assurdità, incongruenze, anomalie, taroccamenti, errori ed omissioni, solo marginalmente riportati dalla stampa ma stigmatizzati nei verbali (secretati) del processo, portano ad un'assoluzione con formula piena e se ciò accadrà (nonostante siano state rigettate le istanze di ripetizione delle prove scientifiche che di "scientifico" non avevano un bel nulla) la Giustizia italiana avrà vinto anche lei la maglia rosa.


cartellone in prossimità dello Stadio Comunale da cui passerà il Giro per dirigersi al Lungomare

Anche Massimo Bossetti e la sua famiglia  hanno fatto IL GIRO D'ITALIA da involontari ed inermi protagonisti, massacrati da una stampa troppo spesso spietata che se non è disinformata (a pensare bene), forse è collusa (a pensar male).  
Hanno fatto il GIRO D'ITALIA i tweet del Ministro Alfano in spregio di ogni presunzione di innocenza
Hanno fatto IL GIRO D'ITALIA gli assalti da pericoloso capomafioso ad un muratore con i piedi immersi nel cemento, la sua umiliazione con inginocchiamento ed ammanettamento dietro la schiena e la presunta fuga STRANAMENTE MAI FILMATA!
Ha fatto IL GIRO D'ITALIA  il filmato tarocco di un furgone che per 16 volte andava e veniva nei paraggi della palestra di Yara...per poi scoprire che era un solo passaggio AR e  forse!
Ha fatto IL GIRO D'ITALIA la sua vita privata, quella di sua moglie, di sua sorella, di sua madre e di suo padre
Hanno fatto IL GIRO D'ITALIA  la sua privacy, le sue conversazioni private, le sue preferenze sessuali mentre invece le intercettazioni di Flikri sono rimaste chissà come mai al chiuso
Hanno fatto IL GIRO D'ITALIA la violazione delle procedure internazionali per il prelievo, il campionamento, la comparazione di un frammento (amplificato e testato da un solo laboratorio mentre regola vuole che  debbano essere almeno tre a procedere) di DNA nucleare che non coincide a lui per via della IMPRESCINDIBILE componente di DNA mitocondriale
Hanno fatto IL GIRO D'ITALIA gli errori di comparazione e i KIT SCADUTI di una PRESUNTA "scienza" che rinnega la sua professionalità ma..per assurdo pretende anche di avere ragione...
Hanno fatto IL GIRO D'ITALIA i numerosi rigetti delle richieste dei domiciliari nonostante contro di lui non sia rimasto altro che le lettere "hard" ad una detenuta dentro per truffa..

Dunque la mia performance IL GRANDE COCOMERO, ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica e si fa latrice di un  sogno, di un messaggio di speranza che parimenti desidererei facesse IL GIRO D'ITALIA con lo stesso

Fermento, partecipazione, consapevolezza

in questi giorni d'attesa dell'udienza finale.

BOSSETTI LIBERO!

Ho  voluto fotografare i luoghi  strategici della tappa del GIRO D'ITALIA con il mio messaggio, a nome anche di coloro che si stanno da tempo battendo per il riconoscimento della sua innocenza. Qualche semplice "flash" che illumina uno striscione NEL BUIO PESTO di un'Italia in attesa di Godot o del Grande Cocomero...è lo stesso. 
Poi l'ho tolto perché l'iniziativa è personale e non ha altra dimensione possibile se non quella ideale, dell'arte, del sogno. Sarebbe un sogno infatti se gli esercenti  il 10 maggio 2016, o magari i ciclisti, accanto alla fascia rosa di sponsorizzazione  mettessero anche la scritta "JE SUIS BOSSETTI"..perché vorrebbe dire che hanno capito, che il prossimo "Bossetti" di turno potrebbero essere loro se non cambia questo cielo d'ingiustizia  di Stato, avallata dai suoi disinformatori  ed affaristi seriali...


Piazzetta su Corso Giugni 





cartellone in adiacenze località Fortino


Se verrete alla manifestazione non vedrete alcuno striscione ma in compenso vedrete me, la Brigantessa in persona.

MASSIMO IO CI SARO' A DARTI VOCE



perché voglio che sia bello pedalare  sia sotto il cielo e il sole di Praia a Mare che sotto il cielo di un'Italia giusta che rispetta la Costituzione, il Diritto e  i diritti dei suoi cittadini.





L'Osservatorio web "JE SUIS BOSSETTI" sul Diritto ed i Diritti negati ad un cittadino italiano ha consegnato, per mano della Brigantessa di Chiaromonte Agnesina Pozzi, una maglietta ed il libretto pocket "ABBECEDARIO NEMICO" a Diego Ulissi, classificatosi primo alla tappa del Giro D'Italia a Praia a Mare (CS). Questa testimonianza di impegno per la piena assoluzione di Massimo Giuseppe Bossetti conclude la performance "IL GRANDE COCOMERO" realizzata per l'evento; 

altre foto nell'archivio dell'Osservatorio JE SUIS BOSSETTI
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10209427027902756&set=pcb.275634226103634&type=3&theater

4 commenti:

  1. grande Agnesina un abbraccio. E PENSARE SERIAMENTE DI DENUNCIARE ALLA CORTE EUROPEA QUESTA PM SULLE LETTERE E SPECIALMENTE SULLA POSTA CHE NON SOLO NON PARTE NE ARRIVANO A DESTINAZIONE .UNA VERGOGNA CONTINUA AVVOCATI COSA SI ASPETTA ANCORA ????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello, come ha suggerito Luca Matteja che ad ogni tappa qualcuno dei sostenitori consegnasse un nostro"testimone" a favore di Bossetti, per la maglia rosa alla Giustizia,per l'antidoping..alla giustizia! :-)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. peccato che i sedicenti "attivisti" abbiano boicottato il giro che l'informazione su Bossetti avrebbe dovuto fare lungo l'Italia! ARMIAMOCI E PARTITE...questo il motto di tanti leoni da tastiera!

    RispondiElimina